CHE FINE HA FATTO? - Nacho Castillo, da Brindisi alla 9 di Batistuta

26.06.2017 15:30 di Antonino Sergi Twitter:   articolo letto 2786 volte
© foto di Federico De Luca
CHE FINE HA FATTO? - Nacho Castillo, da Brindisi alla 9 di Batistuta

Un argentino ormai italiano, un nativo di Buenos Aires che in Italia ha segnato con tutte le maglie che ha indossato. Da i campi polverosi fino alle maglia numero 9 di Batistuta, sempre al servizio della squadra senza mai una parola fuori posto. Un grande professionista ed un grande centravanti, Ignacio "Nacho" Castillo".

Viene portato in Italia all'età di 24 anni dal Brindisi, la Puglia ha ricoperto un ruolo fondamentale nella sua carriera. Fino al 2006 segna montagne di reti nelle categorie inferiori con le maglie dello stesso Brindisi, Nardò, Vigor Lamezia e Gallipoli prima di arrivare in Serie B con il Frosinone su richiesta di Ivo Iaconi. Sono soltanto cinque le reti ma è l'alba di una stagione, quella seguente, da sogno.

Arriva l'ingaggio del Pisa e lì Castillo con Ventura in panchina si scatena, 21 reti messe a segno diventando il recordman per la squadra e sfiorando anche la massima serie. A Nacho dopo due anni la Serie B sta stretta, il richiamo del Salento è troppo forte e passa anche da Lecce siglando sette reti.

Nell'estate del 2009 arriva il passaggio alla Fiorentina, un sogno per un argentino indossare la maglia numero 9 viola che fu del grande Gabriel Omar Batistuta. Tante le preplessità, dura mezza stagione è passa al Bari. Ritrova il maestro Ventura ma la lucidità non è più quella di un tempo. Continua sporadicamente a segnare fino all'aprile 2013 quando firma con il Trapani in Lega Pro segnando una rete in tre partite. E' il canto del cigno del bomber di Provincia.