COPA AMERICA: Ecuador-Cile 1-2; La Roja vince ancora e si qualifica per i Quarti di Finale

22.06.2019 14:09 di Roberto Scannapieco   Vedi letture
COPA AMERICA: Ecuador-Cile 1-2; La Roja vince ancora e si qualifica per i Quarti di Finale

Il Cile và; la Roja batte l'Ecuador ed approda ai Quarti di Finale della Copa América. Bisognerà vedere solo se la squadra di Rueda passerà da prima classificata o da seconda. I bi-campioni in carica hanno sofferto molto di più che nella prima gara, ma alla fine hanno rotto la resistenza dell'Ecuador. Bella partita quella giocata ieri sera a Salvador de Bahìa, dove ci si attendevano conferme dalla prestazione del Cile dopo il forse troppo facile 4-0 al Giappone. E l'Ecuador ha dato filo da torcere a Vidal e compagni nonostanze la partenza sprint della Roja. Il vantaggio cileno arrivava presto, all'8° con un preciso tiro di Fuenzalida. Sembrava in controllo totale l'undici di Rueda, ed invece e' bastata una disattenzione per dare la possibilità alla Tri di pareggiare su rigore con Valencia al 26° (fallo di Arias su Mendez). Il prosieguo del tempo serviva al Cile per riordinare le idee, visto anche che l'Ecuador non sapeva approfittare del momento no dei rivali. Nella ripresa Cile in campo di nuovo con grinta e rete del 2-1 siglata al 5° da Sànchez; un cross dalla destra arrivava sui piedi di Alexis che di controbalzo batteva il portiere avversario. La gara continuava con la Tri alla disperata ricerca del pareggio, ma il Cile teneva, Rueda arretrava un pò i suoi, ma pericoli veri e propri per Arias non ne arrivavano. La chiusura era data dal rosso all'ecuadoriano Achilier al 44° (gomitata a Sànchez), poi il triplice fischio finale. Il Cile passa ai Quarti, meritatamente viste le due partite giocate finora, e continua nel sogno della terza Copa consecutiva. L'Ecuador nonostante le prime due sconfitte, nell'ultima gara sarà opposto al Giappone, ed una vittoria gli consentirebbe di arrivare al terzo posto, e concorrere per uno dei 3 ripescaggi; certo la squadra vista finora non fa ben sperare, ma il pallone e' rotondo.