COPA AMERICA: Uruguay-Giappone 2-2; La Celeste fermata dai pali e da un coriaceo Giappone

21.06.2019 13:37 di Roberto Scannapieco   Vedi letture
COPA AMERICA: Uruguay-Giappone 2-2; La Celeste fermata dai pali e da un coriaceo Giappone

Partita stregata per l'Uruguay quella di ieri contro il Giappone. Un 2-2 finale che ovviamente soddisfa gli asiatici, ma paradossalmente soddisfa anche Tabàrez, consapevole dell'ottima gara dei suoi uomini, che però non sono riusciti a tramutare in vittoria per l'imprecisione, la sfortuna (2 pali colpiti) e le prodezze del portiere nipponico. Kawashima e' stato il migliore in campo insieme a Koji Miyoshi, il 22enne centrocampista ha siglato la doppietta per il Giappone. L'Uruguay ha confermato la bontà del suo gioco anche ieri, solo che stavolta rispetto al 4-0 contro l'Ecuador le tante occasioni avute sono state concretizzate al minimo. Celeste che gioca, Giappone che segna, e così che si dipana la gara; gli uomini di Moriyasu aprono le danze al 25° con un grande contropiede concretizzato da Miyoshi. L'Uruguay reagisce subito anche se solo il VAR al 32° consente di vedere un fallo su Cavani punito con il rigore. Suàrez insacca per il pareggio. Secondo tempo come il, primo, molto veloce e con molti errori; uno di questi lo commette Muslera al 14°, respingendo malamente un cross innocuo che dà l'opportunità a Miyoshi di siglare la sua doppietta. Di nuovo sotto la Celeste, ma di nuovo subito arrembante per preggiare, ed al 21° Gimenez di testa segna il nuovo pari. A questo punto le acque cominciano a calmarsi, Tabàrez capisce che anche il pareggio può andare bene in questa serata, e così alla fine sarà. Un 2-2 che lo porta a 4 punti aspettando la sfida Cile-Ecuador. I giochi per il gruppo di Tabàrez non sono ancora fatti ma le due buone prestazioni fanno ben sperare. Per il Giappone un punto che allontana la figuraccia dell'esordio contro il Cile (0-4) e mantiene una flebile speranza di poter almeno arrivare al terzo posto.