Copa Libertadores 2018: La Finale infinita Boca-River; Al TAS si discute del reclamo xeneize

17.07.2019 13:59 di Roberto Scannapieco   Vedi letture
Copa Libertadores 2018: La Finale infinita Boca-River; Al TAS si discute del reclamo xeneize

Ieri nella sede spagnola del TAS, il Tribunale Arbitrale dello Sport, era in programma l'ennesima puntata dell'atavica "guerra" tra Boca Juniors e River Plate. La disputa e' la continuazione dell'incredibile Finale di Copa Libertadores 2018, una storia clamorosa, visto che la doppia gara che avrebbe dovuto decretare la squadra campione del Sudamerica ha avuto un andamento da guinness dei primati: Posticipata di un giorno la gara d'andata alla Bombonera, il ritorno al Monumental sospeso due volte e conseguente spostamento della sede addirittura in Europa, al Santiago Bernabeu di Madrid. Nemmeno dopo la fine delle due gare, vittoria del River Plate, la partita e' finita perchè il Boca Juniors ha fatto reclamo contro la CONMEBOL, chiedendo che la Coppa venga assegnata a loro, ed ovviamente contro il River Plate. Il club di Nuñez dall'altra parte sostiene che la responsabilità degli incresciosi incidenti all'esterno del Monumental sia stata del Governo di Buenos Aires, per cui Rodolfo D'Onofrio si tira fuori. Sono state in totale 30 le persone che hanno affollato le stanze del TAS per questa prima udienza, dedicata alle prove ed alle deposizioni di alcuni testimoni (i due presidenti, Angelici e D'Onofrio, il medico del Boca Juniors e l'autista del bus xeneize che fu colpito all'esterno del Monumental, tra gli altri), ed alla fine sono circolate le voci che darebbero un aiuto su quella che sarà la sentenza. Risultato confermato e multa pesante per il River Plate. Ovviamente solo voci, visto che non c'e' stato comunicato ufficiale del TAS nè delle due società. Oggi e' in programma la seconda udienza, nella quale saranno gli avvocati delle parti a parlare delle rispettive ragioni. Il Superclàsico non finisce mai.