Perù: Omaggio simbolico (per ora) al Tigre Gareca, la carta d'identità peruviana

05.07.2019 15:50 di Roberto Scannapieco   Vedi letture
Perù: Omaggio simbolico (per ora) al Tigre Gareca, la carta d'identità peruviana

Ricardo Gareca, "un Inca màs". Sì, El Tigre argentino diventa simbolicamente un figlio della terra incaica dopo aver compiuto due veri e propri miracoli con la Nazionale del Perù. Il 61enne di Tapiales, allenatore del Perù dal 2015 ha fatto ritrovare il sorriso al popolo peruviano facendo letteralmente rinascere la Bicolor. Il certosino lavoro del Tigre ha portato il Perù lo scorso anno alla storica qualificazione ai Mondiali dopo ben 36 anni d'assenza. Che poi nella manifesazione e' uscito al Primo turno poco importa. Ma il lavoro di Gareca e' proseguito con l'obiettivo di ben figurare nella Copa América 2019. Detto fatto, la Bicolor e' addirittura arrivata in Finale, e questo e' il secondo miracolo di Gareca. Dopo 44 anni di nuovo in Finale della competizione continentale, e se domani dovesse alzare la Copa, a Gareca dovrà essere attribuita honoris causa la nazionalità peruviana. Intanto il Reniec (Registro Nacional de Identificaciòn y Estado Civil), ha dato la nazionalità simbolica al Tigre. Sulla pagina Facebook dell'anagrafe peruviana, e' apparsa la foto del documento d'identità di Ricardo Gareca con tanto di epigrafe "!DNI de un peruano de corazon". I peruviani ringraziano El Tigre per la gioia che gli sta dando, e se per caso domani sera al Maracanà dovesse succedere il terzo miracolo, l'imperatore inca non sarà più il serpente piumato, ma sarà El Tigre. Poco ma sicuro.