Venezuela: Dudamel ci ripensa. Resta alla guida della Vinotinto.

02.04.2019 15:38 di Roberto Scannapieco   Vedi letture
Venezuela: Dudamel ci ripensa. Resta alla guida della Vinotinto.

Rafael Dudamel fa marcia indietro. Il tecnico del Venezuela la settimana scorsa, dopo la prima delle due amichevoli giocate in Europa, aveva rimesso il mandato nelle mani della Federazione Calcistica Venezuelana per "ingerenze politiche". Tuttavia aveva deciso di essere in panchina anche nella seconda gara, e dopo avrebbe dialogato con la FVF per chiudere reciprocamente il rapporto di lavoro. I giorni scorsi però sono serviti a Dudamel per riflettere sulla situazione ed alla fine ieri e' arrivata la notizia della sua continuazione al comando della Vinotinto. Dudamel ha comunicato la sua decisione alla Federazione con un comunicato, ed inoltre ha scritto una lettera diretta a tutto il Venezuela, nella quale spiega i motivi per cui voleva lasciare la Nazionale, e conferma il "ritorno" al comando della squadra. "Con molta umiltà chiedo scusa al popolo venezuelano perchè per ragioni extra calcistiche e' sembrato che negli ultimi tempi abbiamo deviato dal nostro percorso, dal nostro obiettivo, ma non e' così. La Vinotinto e' un esempio eloquente del Venezuela che vogliamo essere, di ciò che e' possibile essere, e di questo ne sono convinto. Noi dobbiamo essere il punto di riferimento per tutti i venezuelani. Il nostro Paese sta attraversando una crisi profonda, lo vediamo tutti i giorni uscendo per strada, e questo ci rattrista. Come venezuelano chiedo che sia data più attenzione alla gente perchè possa ritornare presto la pace ed il Venezuela ritorni a correre da solo. Ringrazio tutti i membri della FVF che mi hanno appoggiato, ed uno per uno tutti i componenti del gruppo della Nazionale. Il sogno Mondiale del Venezuela esige unità, dedizione, passione". Da oggi comincia la nuova era di Dudamel con la Vinotitinto, che in pratica e' solo la prosecuzione del lavoro iniziato qualche mese fa e che ha come obiettivo finale la qualificazione ai Mondiali del 2022 in Qatar.