Argentina-Perù del Mundial 78 non e' ancora finita. le dichiarazioni di un ex della Bicolor

13.03.2018 22:29 di Roberto Scannapieco  articolo letto 33 volte
Argentina-Perù del Mundial 78 non e' ancora finita. le dichiarazioni di un ex della Bicolor

Rosario, 21 Giugno 1978; e' la data di Argentina-Perù, ultima partita del Gruppo B della Seconda Fase del Mondiale 78. 6-0 e' il risultato finale, che consentì all'Argentina di Menotti di approdare alla Finalissima, superando per differenza reti il Brasile. Di quella gara si e' parlato molto, e molti sono stati i dubbi sulla "regolarità morale" dei peruviani, dubbi mai fugati. Oggi, dopo 40 anni, José Velàsquez, ex calciatore della Bicolor, in campo quel giorno, in un intervista al quotidiano peruviano Trome 21, ha ribadito ciò che molte volte ha dichiarato. Quella partita fu falsata perchè alcuni calciatori si vendettero. Velàsquez fa riferimento alla riunione che ebbero 6 dei componenti del gruppo peruviano con l'allenatore Marcos Calderòn, chiedendogli di non far giocare Ramòn Quiroga, portiere del Perù ma argentino di nascita (fu naturalizzato peruviano per i problemi che aveva la Bicolor a trovare un portiere "decente"). Il tecnico accettò, anche perchè le motivazioni addotte dai calciatori furono in linea con ciò che pensava, mentendo. Il giorno dopo Quiroga era però in campo, e Velàsquez cita quest'episodio per confermare che quel 6-0 fu "anormale" (nell'intervista dice chiaramente la parola "venduta"). Il centorcampista di quella nazionale peruviana, ora 65enne, ha parlato anche di coloro che furono gli artefici primi dell'accordo illegale, i dirigenti della Federazione Calcistica Peruviana, non facendo nomi però, ed ha chiuso l'intervista dicendo di poter fare i nomi di quattro dei calciatori che si accordarono per perdere quella gara, e ce ne sarebbero altri due che non nominerebbe mai perchè troppo famosi, e tirandoli in ballo sarebbe dannoso per le loro attuali carriere. Argentina-Perù, quella partita del Mondiale 78 non e' ancora finita, 40 anni dopo.