Club Atlético Diego Armando, l'ultimo omaggio al "10" per eccellenza

22.03.2018 14:22 di Roberto Scannapieco  articolo letto 16 volte
Club Atlético Diego Armando, l'ultimo omaggio al "10" per eccellenza

Nessuno aveva pensato, fino a tre anni fa, di creare una squadra che nel nome omaggiasse uno dei più grandi calciatori della storia mondiale, Diego Armando Maradona. Qualcuno però, dal destino doveva avere l"illuminazione", e così il fato ha deciso che Nicolàs Garecitano, e Maximiliano Cané, due sportivi di Mercedes, città situata a circa 100 km ad Ovest di Buenos Aires, concepissero questa idea. Dopo tre anni dalla fondazione, all'inizio era un squadra di calcio a 5, il Club Atlético Diego Armando, ha debuttato nello scorso fine settimana nella Liga Mercedina de Fùtbol. La squadra per adesso ufficialmente si chiama Peña Xeneize Mercedes, problemi giuridici hanno impedito che il nuovo club potesse avere il nome del "10", ma Garecitano ha dichiarato che presto verranno superati gli ostacoli, e dal prossimo campionato regionale la denominazione ufficiale sarà quella per cui il club e' nato. Per l'iscrizione alla Liga Mercedina, il club ha dovuto sborsare 80mila Pesos, circa 3mila Euro, formando poi una squadra maggiore ed una formazione riserve. Per ora il club conta 50 calciatori in totale, ma per il 2019 c'e' un progetto per dare vita ad un settore giovanile, dove formare calciatori che poi con gli anni andrebbero a giocare con la prima squadra. Inutile dire che i colori sociali sono l'Azul y Oro del Boca Juniors, con la seconda maglia che invece e' Albiceleste, ed i cori per la squadra, cantati dai tifosi sono ovviamente dedicati al Diez del Diez. Nel Club Atlético Diego Armando, c'e' anche chi ha l'onere e l'onore di vestire la maglia numero 10, Pablo Gorosito, calciatore di maggior esperienza del neo club, che vanta presenze nel Torneo Federal B con il Club Mercedes. Garecitano, dopo aver fatto diventare realtà il suo sogno, ora spera di poter avere Maradona allo stadio per vedere la "sua" squadra, sarebbe dice, il non plus ultra, ma nessuno gli crede, perchè il completamento del sogno sarebbe avere l'ex Pibe de Oro sulla panchina.