"Scusa pà": L'episodio di Giancarlo Maldonado che ha emozionato il mondo del calcio

24.05.2019 15:10 di Roberto Scannapieco   Vedi letture
"Scusa pà": L'episodio di Giancarlo Maldonado che ha emozionato il mondo del calcio

Giancarlo Maldonado, 36 anni, attaccante venezuelano del Deportivo Tàchira, ha una lunga carriera alle spalle, passata con molti club del Continente Americano, che gli ha portato delle belle soddisfazioni specialmente a livello individuale, e che gli ha consentito di giocare anche 53 partite con la Vinotinto, segnando anche 22 reti. Ebbene, la settimana scorsa Giancarlo, soprannominato "El Capo", ha giocato un brutto scherzo a suo padre, un certo Carlos Maldonado, uruguaiano di nascita che ha poi preso la cittadinanza venezuelana, idolo quando giocava a calcio dello Zulia FC, che gli ha dedicato anche una scultura. Nell'ultima gara della Regular Season dell'Apertura 2019 del Venezuela si giocava Puerto Cabello, la squadra allenata da Maldonado Senior, ed il Deportivo Tàchira di Giancarlo; in palio la qualificazione per entrambe ai play-off per la definizione della squadra vincitrice. A nessuna delle due squadre serviva il pareggio, ed in effetti la gara e' stata al cardiopalma. Con il Puerto Cabello in vantaggio per 2-1, al 47° del secondo tempo e' avvenuto il "fattaccio". Giancarlo con una girata da appena dentro l'area di rigore avversaria mette il pallone nel sacco, pareggiando la gara. L'esultanza per la rete si trasforma subito in pianto per il calciatore, e tutti in quel momento pensano a lacrime di gioia. La spiegazione arriva dopo la fine della gara che con il pareggio tarpa le ali a tutte e due le squadre, ma di più al Puerto Cabello che conduceva a pochi minuti dalla fine. Il pianto di Giancarlo era per aver rovinato la vittoria al padre allenatore della formazione avversaria, una vittoria che avrebbe portato il club alla storica partecipazione dei play off per l'aggiudicazione del Torneo Apertura. L'opinione pubblica venezuelana, e probabilmente tutto il mondo calcistico sono rimasti sorpresi molto dal pianto di Giancarlo, che però ha dimostrato sul campo che i valori e l'etica della sua professionalità sono al primo posto, che vanno oltre la convenienza e le emozioni. E probabilmente anche papà Carlos, dopo un attimo di smarrimento , ha appaludito il figlio. Il calcio riesce ancora a regalare certi episodi belli, nonostante tutto.