La terribile notizia e' stata ufficializzata solo ieri, ma la morte di Juan Diego Gonzàlez, ex calciatore colombiano di 39 anni, che ha giocato oltre che in Patria (Envigado, Independiente Santa Fé, Independiente Medellìn, Once Caldas, La Equidad e Deportivo Pereira) anche in Argentina (Almagro e San Lorenzo), in Messico (Santos Laguna) e negli USA (Philadelphia Union) risale al 27 Febbraio scorso, quando e' stato rinvenuto cadavere, brutalmente torturato e fatto a pezzi, in una valigia trovata sulle rive del fiume Medellìn nel Municipio di Copacabana, nel Dipartimento di Antioquia. Ci sono voluti circa 10 giorni per riconoscere ufficialmente il cadavere, questo dà l'idea dello stato in cui si trovava al momento della scoperta. Gonzàlez si era ritirato dall'attività agonistica nel 2011 dopo aver giocato negli Stati Uniti. La polizia sta ora lavorando per cercare di arrivare almeno al perchè di questo brutale assassinio, le prime valutazioni comunque fanno propendere per un regolamento di conti.

Sezione: Altri Paesi / Data: Sab 07 marzo 2020 alle 14:03
Autore: Roberto Scannapieco
vedi letture
Print