PUNTERO SOLITARIO

L'avvio di stagione del Colón de Santa Fé è stato sfavillante ed inaspettato: inserito nel girone A con River Plate, Racing, Estudiantes ed il Banfield finalista della scorsa Copa Maradona, si trova dopo 5 giornate in testa alla classifica del raggruppamento, con un filotto di cinque vittorie consecutive e 15 punti. Il tutto ottenuto mettendo in campo prestazioni convincenti e brillanti, meritando ogni vittoria, ed avendo come condottiero un uomo solo, la vera stella della squadra: Luís Rodríguez, detto El Pulga.

SEÑOR FÚTBOL

35 anni, un passato da simbolo dell'Atlético Tucumán, la permanenza di Rodríguez al Sabalero era tutt'altro che certa in estate: lui stesso aveva dichiarato di "non sentirsi più parte del progetto" e che vedeva il suo futuro lontano dalla maglia rossonera. Poi, visto anche l'immobilismo del mercato dovuto alla situazione Covid, la scelta quasi obbligata di rimanere un altro anno a Santa Fé, dove il Pulga si è rimesso a disposizione da grande professionista, trascinando la squadra con assist e reti spettacolari, tanto da riaccendere le sirene del calciomercato per un ipotetico approdo al Boca Juniors.

LIBRO CUORE

Sabato notte, il Sabalero ha battuto per 0-2 l'Estudiantes allo stadio 1y57 proprio con doppietta di Rodríguez, a segno con una punizione ed un pallonetto delizioso. Ma c'è di più. Nel post-partita, infatti, Camila Bertotti, tifosa del Colón, ha pubblicato sui suoi social una chat con il n°10, dove gli chiedeva di dedicare un gol al nonno appena scomparso, fan sfegatato della squadra e del giocatore.

"Mi dispiace molto, se Dio vuole e segnassi, alzerò il dito al cielo", prometteva alla tifosa il Pulga. Detto fatto, l'attaccante ha mantenuto la promessa e, una volta divenuta virale la storia, è diventato ancor più l'uomo copertina di questa settimana di Liga Profesional.

Sezione: Argentina / Data: Lun 15 marzo 2021 alle 18:01
Autore: Giacomo Cobianchi
vedi letture
Print