River Plate, assenza importante: Montiel out, ma per quanto?

27.02.2021 16:00 di Giacomo Cobianchi   Vedi letture
River Plate
River Plate

Nonostante il clima di pandemia, non è il solo Covid l’unico pericolo da cui guardarsi: altri virus possono infiltrarsi negli stretti protocolli di isolamento delle squadre professionistiche. È il caso del River Plate, dove a Gonzalo Montiel è stata diagnosticata l’infezione da virus di Epstein-Barr, più comunemente conosciuta come mononucleosi.

Visti i sintomi, molto simili a quelli associati al coronavirus (febbre, mal di gola, malessere generale), il terzino destro è stato inizialmente isolato e sottoposto a tampone, ed in seguito ad esami del sangue che hanno evidenziato invece la positività al virus della mononucleosi.

Quali sono ora le prospettive? Molto dipenderà da come il giocatore risponderà: la malattia lo terrà sicuramente lontano dai campi per due o tre settimane, ma non sono rari i casi di decorso ben più lungo, anche nel mondo dello sport (basti pensare al tennista Andy Roddick, tormentato dalla stessa malattia per diciotto mesi a cavallo del 2011).

Cachete salterà quindi sicuramente le sfide con Platense e Boca Juniors, dove Gallardo dovrà scegliere se adattare Casco a destra come già fatto in passato o se lanciare il nuovo acquisto Alex Vigo, ex-Colón. Se, però, la prognosi di Montiel dovesse essere più lunga del previsto, potrebbe trasformarsi in un problema anche in ottica Nazionale: a Marzo, infatti, l'Argentina tornerà in campo per le Qualificazioni Mondiali e l'assenza dell'esterno destro dei Millonarios causerebbe non pochi grattacapi al CT Lionel Scaloni.