Superare Pelé, in un modo o nell'altro, non è cosa di tutti i giorni. Ângelo Gabriel Borges Damaceno è diventato lo scorso anno il secondo giocatore più giovane a calcare un campo da calcio per il Santos, superando O Rei di appena 11 giorni. La leggenda del calcio all'epoca aveva 15 anni, 10 mesi e 15 giorni, quando debuttò segnando in una vittoria per 7-1 contro il Corinthians.

Lungi dal paragonare il numero dieci per eccellenza con un giocatore, almeno per ora, anonimo. La situazione dei due inoltre è molto diversa, tanto che la prima partita di Ângelo non è stata così rosea. Entrato al posto di Lucas Braga al Maracanã contro il Fluminense, non ha quasi per nulla inciso sul gioco. Infatti i padroni di casa hanno portato a casa i tre punti con un sonoro 3-1.

In trenta minuti si sono intraviste troppe poche cose buone da Ângelo. Tatticamente fuori dagli schemi, fisicamente ancora troppo leggero ed emotivamente non pronto. E Cuca, l'allenatore, lo sapeva benissimo prima di buttare nella gabbia dei leoni la preda. Pur di non perdere il giocatore a costo zero, i dirigenti hanno convinto la famiglia del ragazzo a firmare un pre-contratto da professionista, promettendo un minutaggio in prima squadra.

Evidentemente i suoi genitori hanno posto al primo posto l'interesse economico al posto di una crescita graduale del giocatore. Un giocatore che, da quello che si evince dai suoi video su YouTube, ha la tipica tecnica sopraffina degli esterni brasiliani di oggi. Ultimamente in quella posizione di talenti ce ne sono una miriade e forse perciò la fretta ha portato a tale decisione.

Schierato spesso a destra, ha saputo far vedere grandi doti da assistman. I cross sono veramente ottimi e da qualuque posizione, mentre i passaggi filtranti sono imprevedibili e calcolati al millimetro. L'unica pecca è il fatto che non vada spesso a cocludere in porta con il suo sinistro. Arrivando stanco sottoporta dopo metri di incessante dribbling, probabilmente preferisce scaricare la responsabilità del tiro ai compagni.

Sezione: Brasile / Data: Lun 08 marzo 2021 alle 19:13
Autore: Florind Lucas
vedi letture
Print