Il São Paulo scenderà in campo contro l'Inter de Limeira senza lo sponsor principale. Nell'ultimo fine settimana il contratto con la Banco Inter è terminato, senza essere rinnovato. Anche gli altri sponsor, avendo il contratto ormai scaduto alla fine di febbraio, non appariranno sulle maniche o vicino ai numeri di maglia. Tuttavia il club ha degli accordi verbali con le varie aziende perché si prolunghino questi contratti. È solo quindi una questione temporanea.

Il São Paulo di Hernán Crespo non ha convinto del tutto al debutto e in questa seconda giornata del Paulistão la squadra vorrà tornare a vincere. La vittoria in un campionato statale senza sponsor sarebbe ancora più iconica per i nostalgici che amano il calcio brasiliano classico, fatto di estaduais e maglie “pulite”. Negli ultimi anni in Brasile è consuetudine vedere molte patch di aziende sulle divise dei vari club, vista la necessità di liquidità. La pubblicità aiuta a tenere equilibrati i conti.

Non solo nel calcio, ma anche nel futsal, dove i guadagni sono minori, le società progettano maglie che sfruttino al massimo gli spazi per gli sponsor. L'esempio più lampante è il Cascavel che una volta è stato scherno di una TV nazionale famosa in Brasile: “Sarà rimasto un piccolo spazio?” avevano twittato riferendosi alla maglia. Forse la squadra in questione aveva esagerato veramente con questo tipo di pubblicità, tuttavia gli sponsor ormai fanno parte del calcio.

Sezione: Brasile / Data: Mer 03 marzo 2021 alle 13:57
Autore: Florind Lucas
vedi letture
Print