37 anni e non sentirli, Edgar Alvarez ancora continua a scorrazzare sulla fascia destra come ai tempi di Cagliari, Roma, Livorno, Pisa, Bari. Un calciatore che non si è mai risparmiato, gli honduregni sono gli ultimi a mollare ed ha fatto mangiare il fumo a tanti esterni della nostra Serie A nel tentativo di arginarlo.

La velocità è il pezzo pregiato di quest'esterno d'attacco scovato dal Cagliari nel lontano inverno 2005 dal Penarol, avventura in Uruguay dopo i primi calci al Platense. Proprio in quest'ultima squadra è capitano, nativo di Puerto Cortes e con la corsa nelle vene. Diventa amico di Francesco Totti quando passa alla Roma, per il Capitano lui rimarrà sempre Alvaretto.

Il prestito a Messina, le successive accelerazioni sulle fasce di Livorno, Pisa, Bari e Palermo. In Puglia segue Gianpiero Ventura ed è un punto fermo dei Galletti della prima salvezza, si è tolto anche lo sfizio nel 2010 di giocare un Mondiale con la propria Nazionale. Continua a correre, forse più lentamente ma Alvaretto non lo fermi.

Sezione: CHE FINE HA FATTO? / Data: Mar 20 giugno 2017 alle 16:42
Autore: Antonino Sergi / Twitter: @NinoSergi92
vedi letture
Print