Arrivato all’Udinese in pompa magna, Felipe Vizeu è stato calcisticamente dimenticato. La stagione in Italia, nonostante le poche occasioni, ha offerto solo delusioni alla punta brasiliana. Con il Flamengo, pur non facendo vedere grandi doti da goleador, sembrava potesse essere un attaccante strutturato per il calcio europeo. In Copa Sudamericana nel 2017, persa dai carioca in finale con l’Independiente, aveva perfino segnato 5 reti in sole 8 partite, un buon gruzzolo che aveva fatto sognare i tifosi. Con i rossoneri, dopo una discussione in campo, aveva mostrato il dito medio al suo compagno Rhodolfo durante l'esultanza dopo un gol.

Tuttavia in Friuli non ha combinato granché, anche complice la situazione non rosea dei bianconeri, venendo bollato come bidone. Da quel momento grandi giri in prestito tra Akhmat Grozny, in Russia, Grêmio e Ceará, in Brasile. In queste tre avventure ha messo a segno appena 4 gol in totale. La sua miglior stagione è stata proprio quest’ultima, con due segnature per il club nordestino.

Per quanto si sia impegnato però, la fortuna non l’ha proprio assistito del tutto. Nella Copa do Nordeste, alla prima giornata ieri sera (01/03) è stato eletto “Craque do Jogo” (MVP), pur non mettendo a segno né gol né assist. Il Ceará, in una partita strana e insidiosa, ha strappato solo un pareggio, anche se Vizeu stava per dare la vittoria ai suoi. Con un bel movimento ha sferrato un tiro a giro che si è imbattuto non in un solo palo, ma in ben due creando un flipper. Le sue prestazioni finora non sono state degne di nota, ma anche la fortuna non lo ha assistito.

Sezione: CHE FINE HA FATTO? / Data: Mar 02 marzo 2021 alle 15:57
Autore: Florind Lucas
vedi letture
Print