Il Palmeiras non e' Paganini e concede il bis. Battendo il Flamengo 2-1 ai supplemetari nella Finale di Montevideo ha conquistato la sua seconda Libertadores consecutiva, la terza della storia del Verdão che così sorpassa nel computo totale i rivali ed affianca Santos, Sao Paulo e Gremio che in precedenza potevano fregiarsi di 3 Titoli di Campione della Copa Libertadores. Tutti eroi quelli del Palmeiras, dai calciatori ai magazzinieri, ma una menzione particolare va al tecnico portoghese Abel Ferreira, arrivato con un pò si scetticismo lo scorso anno al club di Palestra Italia, lo si vedeva come un tentativo di emulare proprio il Flamengo che con Jorge Jesus, anche lui lusitano, aveva vinto quasi tutto nella stagione 2019/20. Ferreira ha rivoltato il Palmeiras e lo ha portato alla conquista lo scorso anno della Copa do Brazil e poi alle due Libertadores, vinte nel giro di 10 mesi (l'edizione del 2020 si era conclusa alla fine di Gennaio di quest'anno per l'interruzione dovuta alla pandemia da COVID-19).

La partita e' stata avvincente, qualcuno si aspettava un tatticismo esasperato, invece si e' giocato al calcio (solo 5 i cartellini gialli in totale), ognuno con il proprio stile. Il Palmeiras ha agito prevalentemente in contropiede lasciando il pallino in mano al Mengão, la rete di Raphael Veiga all'inizio (5°) ha portato la gara sui binari preferiti da Ferreira, e così nonostante un costante possesso palla il Flamengo nel primo tempo non ha impensierito molto il portiere paulista. Nella ripresa stesso copione, ma gli uomini di Renato Gaùcho hanno intensificato gli attacchi manovrando con più velocità, e qui e' uscito fuori il 33enne Weverton, portiere del Verdão che ha effettuato un paio di interventi prodigiosi. Il Flamengo però meritava il pareggio e lo ha raggiunto a metà tempo, autore della rete il solito Gabigol, nel primo tempo molto nervoso e quindi poco utile alla causa, con la complicità di Weverton, fattosi beffare sul sul palo di competenza.

Dopo l'1-1 la gara ha subito un naturale scadimento e così si e' arrivati ai supplementari. I 30 minuti, come spesso accade, sono di gestione, e probabilmente si sarebbe arrivati ai rigori se la difesa rubronegra in fase di disimpegno non avesse regalato il pallone, al 5° del primo tempo a Deyverson che si e' involato solo soletto verso la porta difesa da Diego Alves, battendolo in uscita. Flamengo tarantolato che ha provato a rimettere di nuovo in piedi l'incontro, qualche occasione l'ha avuta, ma alla fine ha dovuto soccombere. Il Palmeiras ha vinto con cinismo, gli episodi lo hanno favorito, forse la vittoria sarebbe stata più giusta giocarsela ai rigori, ma il calcio e' così. Il Palmeiras con questa vittoria accede anche al prossimo Mondiale per Club, la vecchia Coppa Intercontinentale, che si giocherà negli Emirati Arabi Uniti a Gennaio del 2022.

Sezione: Libertadores / Data: Dom 28 novembre 2021 alle 14:19
Autore: Roberto Scannapieco
vedi letture
Print