La gara di ieri tra Uruguay e Colombia ha avuto un sapore speciale per la location nella quale si e' disputata. Il Gran Parque Central, lo stadio di proprietà del Club Nacional, lo stadio più antico del Continente Americano (costruito nel 1900), uno dei più antichi del mondo, e' tornato a ricevere la Celeste dopo ben 92 anni! L'ultima volta che l'Uruguay aveva giocato al GPC fu il 20 Settembre 1929, contro l'Argentina, in una gara valida per la Copa Newton. Da quel giorno ne e' passata molta di acqua sotto i ponti, lo stadio ha subito le normali ristrutturazioni nel corso degli anni, l'ultima nel 2005, ma l'atmosfera per chi, da calciatore, da tifoso, da addetto ai lavori, lo ha frequentato, e' rimasta immutata. E' stata una festa, e non poteva essere altrimenti il ritorno nel "Tempio Tricolor" che tra il 1906 ed il 1929 aveva ospitato la Nazionale "Oriental" per 43 volte (24 vittorie, 7 pareggi, 12 sconfitte, questo lo score) prima del trasferimento al "Centenario". La gara di ieri, per la cronaca, e' finita 0-0, ma nessun muso lungo si e' visto tra i 18mila che hanno potuto assistere al match, ieri la festa era solo per il Gran Parque Central, che dopo gli ultimi lavori di ammodernamento si candida ad essere sede di qualche gara del Mondiale 2030 che l'Uruguay vorrebbe organizzare, per festeggiare il "centenario" del primo Mundial, che si disputò proprio a Montevideo, con il GPC che fu sede della partita inaugurale.

Sezione: Nazionali / Data: Ven 08 ottobre 2021 alle 15:33
Autore: Roberto Scannapieco
vedi letture
Print